LA STORIA

Dopo aver pubblicato quattro cd tra il 2003 e il 2007,  era forse giunto il momento di un "Best Of". Ma siccome io sono io, non mi andava l'idea di prendere le canzoni vecchie e metterle in un nuovo cd: doveva esserci comunque un valore aggiunto. Così ho pensato di coinvolgere nel progetto un po' di amici. E tanti artisti tutti insieme non possono che farlo per una buona causa! Nasce così "Baccassino & Friends 2010 - Angeli sulla città", ovvero un best of in cui i pezzi storici sono stati riarrangiati e cantati in duetto con gli ospiti, e in più con quattro inediti, e per finire: la beneficenza!

 

Hanno collaborato alla realizzazione del disco:

 

Bambini Latini

Luigi Bruno

Valerio "Combass" Bruno

Pasquale Chirivì

Ciciri e Tria

Giusy Colì

Davide Colomba

Anna Rita Luceri

Adriano Martino

Luigi Mariano

Mike Minerva

P40

Michele Russo

Antonio Settanni

Giulia Tedesco

Alex Zuccaro

Tommaso Zuccaro

 

Due parole per introdurre le canzoni.

 

01. Angeli sulla città

La prima (e per ora) unica canzone "non comica" che ho pubblicato su un mio cd. Angeli sulla Città, dedicata a tutti coloro che dedicano la loro vita ai poveri, ai senza casa, è una canzone dal sapore natalizio che guarda al mondo di oggi per vedere ciò che tendiamo a non vedere...

Gli ospiti (in ordine di apparizione): Anna Rita Luceri, Giulia Tedesco, Tommaso Zuccaro, Luigi Bruno, Giusi Colì, Alex Zuccaro.

 

02. La Vasca

Il secondo inedito del Cd. Un giorno d'estate ero lì in campagna con i miei genitori e le sorelle e avevo le mani immerse in una vaschetta di plastica azzurra e "spremevo" pomodori per fare la salsa. Dissi: "Devo fare una canzone che parla di questo", la fredda cronaca con annessi e connessi. Et voilà!

 

03. Gioventù Bruscata

Dal cd "La free del lunedì mattina". In questa versione sono accompagnato dalla meravigliosa voce di Davide Colomba, cantante mio compaesano, nel cast di XFactor, che dà un tocco di "gioventù" in più.

 

04. Una vita sul divano

Dal Cd "Pure le pulci hanno Sky". In questa versione il testo è leggermente diverso, aggiornato direi. In coppia con il mio grande e vecchio amico, compagno di mille battaglie Luigi Mariano.

 

05. Lu Latru

Dal Cd "La free del lunedì mattina". Versione riarrangiata,in cui il coro "Barbershop" scompare per lasciare spazio al pianoforte di Alex Zuccaro e alla voce di Tommaso Zuccaro.

 

06. Sangue di quell'obliquo!

Dal cd "La free del lunedì mattina". In questo caso la canzone rimane pressoché identica, con la sostanziale differenza però che il basso non lo suona "Ale-ccss" ma il leggendario COMBASS, bassista degli Apres La Classe e compositore di grande talento.

 

07. Ho perso le scalore

Terzo inedito di questo Cd. Per anni ho portato sul palco una versione "short" di questa canzone. In questo caso ho completato il testo ed eccola qui in tutto il suo splendore: la storia di un tizio che raccoglie della verdura per la moglie, ma poi ha un incidente col motorino che gli complicherà non poco la giornata... Very very special guest ADRIANO MARTINO alla chitarra acustica.

 

08. Trusiana

Dal cd "La free del lunedì mattina". Questa meravigliosa versione di Trusiana vede protagoniste le CICIRI E TRIA. Ho immaginato, da regista cinematografico quale sono, di mostrare la storia di Trusiana da un diverso punto di vista. Mi spiego. La canzone è "ambientata" durante il funerale del nonno e nella versione originale è cantata in prima persona dal marito di Trusiana, per cui noi abbiamo il suo punto di vista. Immaginando però che ci fosse altra gente al funerale, ho creato questo siparietto in cui le Ciciri e Tria assistono alla scena e commentano da par loro. Per questo motivo la musica è quasi in "secondo piano". Il risultato è più che esilarante!

 

09. Mentre il tubo sgorre

Quarto e ultimo inedito. Cosa può succedere quando aspetti "gente" a casa e si è intasato il cesso? Mi piace sempre raccontare la genesi delle canzoni, mi piace ricordare il posto in cui mi trovavo quando mi è venuta in mente, o cosa stavo facendo. Per questa canzone... non me lo ricordo affatto: avrò bisogno di una seduta di ipnosi...

 

10. Mio Dio Che Sollievo!

Dal cd "Pure le pulci hanno Sky". Questa è la canzone che ha subito il restyling più estremo, nuovo arrangiamento e nuovo testo, che incorpora le risposte della ragazza che ha lasciato il povero ragazzo. Scopriamo così il perché di questo allontanamento, i sogni e le aspirazioni di lei... Con una strepitosa ANNA RITA LUCERI!

 

11. Quattru RMX

Dal Cd "La free del lunedì mattina". Anche qui abbiamo un nuovo arrangiamento, e l'inserimento di un "rap" in cui è proprio il "villain" a parlare, il famigerato Sergiu! E le sue minacce sono da antologia!

 

12. CoccoFigo Club

Come nell'originale, anche qui i vari "personaggi" che hanno preso parte al Cd cantano ognuno la propria strofa. E il ritornello è affidato a Roby Facchinetti...

 

01. ANGELI SULLA CITTÀ

 

Guardo in cielo le stelle

Briciole d’oro… belle!

Ce n’è una che mi guida da lassù

E mi porta alla grotta dove nasce Gesù.

 

In questa notte che cade

Gente per le strade

Aria di festa, luci, vitalità

E un grande volo di Angeli sulla città!

 

Venite con noi

C’è qualcuno che ci aspetta alla sua tavola

Venite con noi

Coloriamo d’immenso l’oscurità

 

Ma se guardo in basso… cos’è?

C’è un altro mondo a un passo da me!

Letti di carta, case di plastica

Volti desiderosi di carità

 

Se in quegli stracci c’è un Uomo

Allora chiedo perdono

E in mezzo a feste, luci e vitalità

Sarò un nuovo Angelo sulla città!

 

Venite con noi

Tutti insieme una luce nell’oscurità

Venite con noi

Siamo Angeli in volo sulla città

 

Si può impastare farina con le lacrime

Si può rinascere anche dalla cenere!

 

Venite con noi

Venite con noi

Venite con noi

E pace agli uomini di buona volontà!

 

Venite con noi

Tutti insieme una luce nell’oscurità

Venite con noi

Siamo Angeli in volo sulla città

 

 

________________________

 

 

02. LA VASCA

 

Saperà era megghiu cu bbo ccattu

‘N’addhra vasca

Ca pi ‘sti pummitori una non ci basta

Tinimu to’ sicchetti e ‘na limba appena

Lu quatarottu è ruttu e la firsora è chena

 

Ndi azzamu prestu e addhrà ffore nc’è muttura

Ma è sempre megghiu queddhra invece ti l’arsura

‘Na fiata all’annu a nui ndi tocca ‘stu lavoru

Tocca ffacimu la salsa ti pummitoru

Ae ti nusterza ca ndi facinu la scola

“Ci no ssi mena ti ddhru liettu fazzu bbola!”

 

Non ci so’ santi tocca ti azzi puntu e basta

Cu stringi pummitori a mmollu intra lla vasca

Nci ‘ulìa crande armenu quantu ‘na piscina

Ci no non ci spicciamu mancu cra’matina

Ca già questa gghè troppu chena

No si po’ ncarrare

Cummare mia no sacciu cchiù comu aggiu fare

 

Chiama Miminu e dille cu ‘mpiccia lu fuecu

M’è sciutu criddhru intra ll’uecchi

E non sta cecu!

Controlla li buttiglie, qua nd’ae menze rotte

Ahi sorta mia, oce si face menzanotte!

 

(Rit.)

Li ccogghiu, li stendu,

Li mbocciu e poi li lassu

Li spennu, li strengu,

Bolliscu e poi li passu

 

E li riccogghiu, li ristendu,

Li rimbocciu e li rilassu

Li rispennu, li ristrengu,

Li bolliscu e poi li passu!

 

Sirà so’ cchiù ti centu, quasi centoventi

Sicchi ti pummitori chiama li parienti!

Pitucciu, Gigi, Ucciu, Pici e Antenisca

E fa cu bbegna puru sorusa Frangisca

Lu sacciu ca s’onu partire ti Matinu

Saperà era megghiu bbacchiu quarche marocchinu

 

E mentre la mugghere crita, fisca e ragghia

Ti sotta a mare già sta nchiana qua ‘na nuegghia

Ndi pigghia l’acqua, lampi, furmini e poi basta

Tuttu piccé non imu bbutu ‘naddhra vasca!

 

(Rit.)

 

‘Ulìa cu ti la sonu an capu queddhra vasca

Ca l’ieri bbuta già ccattare ti la festa

Li sordi ti li tiesi iò nusterza sera

Ma ti l’ha spriculati alla parrucchiera

E speru cu no ti nchiana la fantasia

Cu faci li bboccacci a bagnu maria!

 

Ca quiddhri a me mi sapinu ti miticina

Mi tonu comu se ‘na tanfa ti sintina

Cummare mia non ssacciu cchiù ce aggiu fare

Mugghere mia, sientime a me: menate a mare!

 

(Rit.)

 

 

 

________________________________

 

 

03. GIOVENTÙ BRUSCATA

 

Ci ti sguilla lu telefunu

A mmienzu alla strata

Ci ti scundi la sicaretta

Quandu iti la zia Ata

 

Ci sta vai a mare a ddoi

Sobbra allu motorinu

Ma poi zzumpi ti la sella se iti

Lu vigile cu llu taccuinu!

 

Ci ‘nc’è mammata ca pretica

Ti la sera alla matina

Ca ha truatu lu cuscinu tuttu

‘Nguacchiatu ti gelatina!

 

Si ‘nu giovane ti oce e faci parte

Ti ‘sta gioventu bruscata, comba’!

Si ‘nu giovane ti oce e faci parte

Ti ‘sta gioventu arduta, comba’!

Ci li femmine ti ‘mpiccianu lu fuecu

La zzita cu nu scaffu ti lu stuta!

 

Ci ti piacinu li bionde

Culli tiricate ‘gnore

Ci lu sire ti iastema

Ca no bbuei cu vvai fore!

 

Ci la scola te tant’anni

L’ha pigghiata cullu fuggile

E ci nanzi cu fativi

Ti minavi ti nu campanile

 

Ci ti pare prestu quandu

Ti rritiri alle tre

E ti ene sempre coccia

Ci t’ha fare lu bitè!

 

Si ‘nu giovane ti oce e faci parte

Ti ‘sta gioventu bruscata, comba’!

Si ‘nu giovane ti oce e faci parte

Ti ‘sta gioventu rrustuta, comba’!

Se li femmine ti ‘mpiccianu lu fuecu

La zzita cu nu scaffu ti lu stuta!

 

Si ‘nu giovane ti oce e faci parte

Ti ‘sta gioventu bruscata, comba’!

Si ‘nu giovane ti oce e faci parte

Ti ‘sta gioventu ‘nguaiata, comba’!

Ci la zzita t’ha lassatu l’addhu giurnu

 

Gghè piccé tu tieni la 127 blu ti sirita

Culli buchi ca ha rruggiatu e li sedili ti pelle

Ca ti bruschi lu culu e ti bruci li pili

E invece quiddh’addhu tene tantu ti mercedesse

 

Culli sedili ti alcantara

Quattro per quattro ti 30 mila euri

Culla vernice al titanio, triplu antifurto

Stereo Super Bass Boost cullu caricatore

Ti trentacinque cd

Navigatore satellitare

 

Lu filtru antiparticolatu

La marmitta paralitica

E gghete puru climatizzata!

 

 

 

________________________________

 

 

04. UNA VITA SUL DIVANO

 

Te ne stai lì scosciata sul divano

A piangere per Dawson’s Creek

Sulle tue lacrime ci passi una mano

E sospiri per Thorne e Ridge

 

E questo lo chiami “Vivere”?

Mi dici “No, infatti è Centovetrine!”

Pensala un po’ come vuoi…

 

Quando eravam piccoli ci si divertiva

A fabbricare trappole

Ad avvelenare cicale e formiche

E squartare lucertole

 

E poi si rientrava in casa per

Guardare in TV qualche bel telefilm

Beh pensala un po’ come vuoi

Ma a me mi manca Orzowei!

 

Sandokan, Rin Tin Tin,

Furia, Lassie, Il Doctor Who

I Racconti di Poe

Con le musiche dei Pooh

 

Supercar, Automan

Mork e Mindy e Star Trek

La Baronessa di Carini

La freccia nera ed Happy Days

 

L’uomo da 6 milioni di dollari

Wonder Woman, La donna bionica

Tre nipoti e un maggiordomo

Rivedere io vorrei

Ma chi mi manca più di tutti è

Quel biondo di Orzowei!

 

Me ne stavo lì buttato sul divano

A mettere sei chili in più

Sei chili al mese e dopo neanche un anno

Pesavo quasi quanto Hulk

 

Ma tu versi amare lacrime

Per Simone di “Grandi Domani”

Beh pensala un po’ come vuoi

Ma a me mi manca Orzowei!

 

Sandokan, Rin Tin Tin,

Furia, Lassie, Il Doctor Who

I Racconti di Poe

Con le musiche dei Pooh

 

Supercar, Automan

Mork e Mindy e Star Trek

La Baronessa di Carini

La freccia nera ed Happy Days

 

L’uomo da 6 milioni di dollari

Wonder Woman, La donna bionica

Tre nipoti e un maggiordomo

Rivedere io vorrei

Ma chi mi manca più di tutti è

Quel biondo di Orzowei!

 

Nemmeno Magnum PI

Mi piace quanto Orzowei

Salti di gioia farei

Se ritornasse Orzowei

Se McGyver potesse inventare

La ricetta per farlo tornare…

Ritornare qui… ritornare qui… ritornare qui

 

Sandokan, Rin Tin Tin,

Furia, Lassie, Il Doctor Who

I Racconti di Poe

Con le musiche dei Pooh

 

Supercar, Automan

Mork e Mindy e Star Trek

La Baronessa di Carini

La freccia nera ed Happy Days

 

L’uomo da 6 milioni di dollari

Wonder Woman, La donna bionica

Tre nipoti e un maggiordomo

Rivedere io vorrei

Ma chi mi manca più di tutti

Chi mi manca più di tutti

Chi mi manca più di tutti è

Il mio amico Orzowei!

 

 

_________________________

 

 

05. LU LATRU

 

 

Co’ ticianu li ‘ecchi

Ci lu fondu no llu curi

Cu ndi tiri la cramegna

Statte certu so’ duluri!

 

Ha lassatu lu purtone

Picca picca scarassatu

‘Ddhu bastardu ti marpione

Cittu cittu s’è ‘nfilatu!

 

È trasutu nu latru        (nu latru nu latru)

Intra a casa mia          (‘ddhu latru ce latru)

Ha ‘mbattutu lu nasu  (lu nasu lu nasu)

Intra lli cose mia         (nu latru nu latru)

 

M’ha rrubatu la seggia

Ca mi ssittava cu teve

Lu piattu ti la pasta

Ca mi spartìa cu teve

 

M’ha rrubatu lu tiempu

Ca iò passava cu teve

Li baci e li carezze

Ca tu mi tivi a meve

 

M’ha rrubatu la gioia tua

S’è futtutu l’amore tua

L’addhu giurnu cu vae fatìa

Ha pigghiatu la bricichetta mia!

 

È trasutu nu latru       (nu latru nu latru)

Intra a casa mia          (‘ddhu latru ce latru)

Ha ‘mbattutu lu nasu  (lu nasu lu nasu)

Intra lli cose mia        (lu latru lu latru)

 

M’ha rrubatu l’anima mia

S’è futtutu la notte e dia

Quandu cuardava intra ‘ll’uecchi tua

‘Itìa totta la vita mia, ma mo’…

 

È trasutu nu latru       (nu latru nu latru)

Intra a casa mia          (‘ddhu latru ce latru)

Ha ‘mbattutu lu nasu  (lu nasu lu nasu)

Intra lli cose mia         (lu latru lu latru)

Però pi queddhu lu nfirrai!

 

Chiama la Polizia! Chiama la Polizia!

Cu mi lu llea ti manu! Cu mi lu llea ti manu!

Prima cu passu nu cuai!

 

Qua lu mundu a me mi pare

Sta si gira capusotta

N’attimu m’aggiu distrattu

E aggiu persu la botta

 

E ci vo spicciu in galera

Non di l’aggiu fare nienti

Però a quiddhu ulìa li scasciu

Lu margiale intra lli tienti!

 

È trasutu nu latru        (nu latru nu latru)

Intra a casa mia           (‘ddhu latru ce latru)

Ha ‘mbattutu lu nasu   (lu nasu lu nasu)

Intra lli cose mia          (lu latru lu latru)

 

M’ha rrubatu l’anima mia

S’è futtutu la notte e dia

Quandu cuardava intra ‘ll’uecchi tua

‘Itìa totta la vita mia, ma mo’…

 

È trasutu nu latru        (nu latru nu latru)

Intra a casa mia           (‘ddhu latru ce latru)

Ha ficcatu lu nasu        (lu nasu lu nasu)

Intra lli cose mia          (gghè latru ca latru)

 

S’è mangiatu lu casu   (lu casu lu casu)

Cchiù friscu ca tinìa    (bastardu ti latru)

Però pi queddhu lu ‘nfirrai!

 

Chiama la Polizia! Chiama la Polizia!

Chiama la Polizia! Chiama la Polizia!

 

_________________________

 

 

06. SANGUE DI QUELL'OBLIQUO

 

(Ale-ccss)

Imu fattu ‘nu complessu ca sunamu ti Diu

E ha sintire poi ce sorta ti canzuni ca scriu

‘N’c’ete Glautiu (Iò!) ca stracina li tischi

Solange e Genevieve ca si ‘mbuscanu li fischi

 

A me mi tocca cu sonu lu bassu cu sta fascia

Ca ci rimbalza male lu gingillu mi lu scascia

Tice lu produttore alli canzuni ca scrivimu

Li parole ti nui giovani tocca cu mintimu!

 

(Ragazze) : Sangue ti quell’obliquo!

(Ale-ccss) : Yeah, Yeah

(Ragazze) : Una frase d’amore, un urlo di speranza per noi!

(Gglautio) : Tantu amore! Pisellò! (Cioè “peace and love”)

 

(Ragazze) : Sangue di quell’obliquo!

(Gglautio) : Quell’obliquo sì, quell’obliquo!

(Ragazze) : Ma stu obliqu poi cisà ce cardo è!?

(Gglautio) : E ce bbuei cu bessa, cumbà!?

 

(Ale-ccss) : ‘Nu salutu alli massicci ti tretu ‘rranfa! Rispecctt!

 

Ca li giovani ti oce no so fiacchi piccinni

Sulamente eramu bbutu nascire a Bruclinni

Piccé allu paese nuesciu, ddonca simu nati

Cu sti cchiali e stu cappieddhru ‘ndi pigghianu pi fati

(Gglautio) : Bastardi!

 

(Ale-ccss)

E allora questo nostro disagio interiore

Ulìmu lu critamu notte e giurnu, a totte l’ore!

(Gglautio) : A totte!

(Ale-ccss)

E se siti d’accordu ripetiti cu me

La frase ca lu mottu ti nui giovani gghè!

(Gglautio) : Zzumpa!

 

(Ragazze) : Sangue ti quell’obliquo!

(Gglautio) : È fondamentale cu zzumpati agnuni!

(Ragazze) : Una frase d’amore, un urlo di speranza per noi!

(Ale-ccss) : Iò, iò, tu, iò!

 

(Ragazze) : Sangue di quell’obliquo!

(Ale-ccss) : Quell’obliquo sì, quell’obliquo!

(Ragazze) : Ma stu obliqu poi cisà ce cardo è!?

(Gglautio) : Agnuni ogghiu bbi eciu zumpare cu crucuddhi!

 

(Ragazze) : Sangue ti quell’obliquo!

(Gglautio) : Cuardati lu Alecchesse co’ zumpa!

(Ragazze) : Una frase d’amore, un urlo di speranza per noi!

(Ale-ccss) : Ahia! Lu bassu! Lu gingillu! Porcu ti quiddhu Squalu!

 

(Ragazze) : Sangue di quell’obliquo!

(Ale-ccss) : Combà, sacciu picca ca no ti fiti cu zzumpi senza cu ti cugghi?

(Ragazze) : Ma stu obliqu poi cisà ce cardo è!?

(Gglautio) : Ca quantu si fessa, ci no ti cugghivi mica si chiamavanu cuggh…

 

(Ragazze) : Sangue di quell’obliquo!

 

_________________________

 

 

07. HO PERSO LE SCALORE

 

Ho perso le scalore

Eppure le avevo qua un attimo fa

Ti sobbra allu motore

Forse chissà mi so’ catute

Non ci so’ cchiù!

 

Ho perso le scalore

Iò li truai chiantate fore a mienzu alli ulìe

Mi l’aggiu ‘scose bene

Piccé, no sai, ‘ddhri quattru fogghie

Non eran mie!

 

Credi! Credimi amo’

Iò ti l’era ‘ccote cinque sei ‘nghete, e allora

Credi: mi capitò nu cuai, ticu ddaveru!

 

Ho perso le scalore

Mi sa ca è statu quandu aggiu truatu Totò

Cu no mi fazzu ‘itìre iò mi minai

Intra nu fondu e tandu iò

 

Mi fici propriu male

Ca scrufulò la rota sullu fricciu e mo’ tu

Ti servinu scalore, ma non lo sai

Le mie scalore non ci so’ cchiù!

 

Credi, credimi amo’ cativi sulla breccia

Cuardami in faccia e allora

Credi, m’aggiu cuastatu o no? Ticu ddaveru!

 

Ho perso le scalore

E pare ca cinca c’ha persu si teve

E iò ce aggiu ddire ca mi squartai

Lu giaccu ‘ecchiu e li cazzi nuei!

 

Ho perso le scalore

E mo’ iò ce li ticu a muggherima Pia

Ca l’era cucinare, queddhra sirà co l’era ‘ulute!

Ma le dirò

 

Credi! Credimi amo’

Iò ti l’era ‘ccote cinque sei ‘nghete, e allora

Credi: mi capitò nu cuai, ma nu cuai cruessu!

 

Credi! Credimi amo’, cativi sulla breccia

Cuardami in faccia e allora

Credi, m’aggiu cuastatu o no?

Ticu ddaveru!

 

 

_________________________

 

 

08. TRUSIANA

 

Sei partita l’anno scorso

Per andare a far la spesa

E m’hai fatto la sorpresa

Non sei più tornata qui

 

È da un anno che t’aspetto

Qui vicino al caminetto

Per scaldare il cuore mio

Così freddo senza te

 

Trusiana, Trusiana del mio cuore

Non riesco a far l’amore

Se tu non sei con me

 

Trusiana, Trusiana ritorna

Ti aspetta anche la nonna

E la zia Tetè.

 

(Parlato)

Trusiana, da quando sei partita Trusiana

In questa casa non c’è più pace

Ogni giorno nuove guerre

Ogni giorno nuovi morti

 

Al nonno Trusiana

Al nostro amato nonno è venuto un colpo

E il dottore, il dottore ha detto:

 

Non c’è più niente da fare

Vi potete rassegnare

E mettetevi a pregare

Che ben presto ssuppa il secchio

 

(Cantato)

Era un bravo zappatore

Tutto a un tratto un gran malore

L’ha colpito dritto al cuore

E l’ha portato via con sé

 

Trusiana, Trusiana del mio cuore

Lu nonnu qua sta mmore!

E tu non sei con me

 

Trusiana: qua servinu turnisi

Ma an pocia ti l’ha misi

E mo’ nui comu imu fa’?

 

Alla fine della storia

Senza speme e senza gloria

Hai perduto la memoria

E mi dici “Amore mio!”

 

Ma a me no mi faci fessa

Mo’ va e perdite ti pressa

E ci sordi vuei Trusiana

Mo’ va e faci la…

 

Trusiana, Trusiana del mio cuore

Sta begnu mo’ ti fore

Aggiu ccotu to’ cicore

 

Trusiana, pi n’annu aggiu sculatu

Ma mo’ m’aggiu straccatu!

No ti pozzu cchiù cica’…

No ti pozzu cchiù cica’…

No ti pozzu cchiù cica’!!!

 

 

_________________________

 

 

09. MENTRE IL TUBO SGORRE

 

Farla in fretta e non pensar

La carta al cesso può far male

Piccè sai queddha si ‘ncocula

E face nu tappu e

Oddha lu sifone

 

E tu no dici nienzi

Mille fiate trasi e biessi

Scarichi, pruei cu la

Springi cullu spazzolinu ma qua

Non ci sgorre!

 

E stappalu, spoddhalu, menane l’acitu!

Idraulicu liquidu oppure a schiuma

O caso mai sai ce ‘nc’è? Chiama lu camiu!

Però tille cu no sbruffa!

 

E pigghia armenu queddha pezza

E pulizza ca stasera

Sta spettu gente, sta bene

La socra ti figghiuma e qua

Non ci sgorre!

 

 

E stappalu, spoddhalu, menane l’acitu!

Idraulicu liquidu oppure a schiuma

O caso mai sai ce ‘nc’è? Chiama lu camiu!

Però tille cu no sbruffa!

 

Imana mia!!!

 

Spara allu cessu: bersagliu mancatu!

Proa ‘n’addha fiata già l’ha minatu

Quiddhu ca resta no vvae dissusatu

Non ci pinsare non è sprecatu

 

Macchie indelebili: non c’ha friculatu!

Stappa stu tubbu ca è tuttu ‘ntasatu

Stappa stu tubbu ca è tuttu ‘ntasatu

Stappalu teve ci t’ha scuncriatu!

 

 

 

_______________________

 

 

10. MIO DIO KE SOLLIEVO 2010

 

Il telefono sguilla sempre quando sei al cesso

Si finisce di domenica la bombola del gassa

Si rompe l’antifurto e ti vengono a rubare

Suonano alla porta quando è pronto per mangiare!

 

Ma almeno oggi capita che

Esco di casa ed incontro proprio te

Mi guardi negli occhi e mi dici “Aillòviu!

Ma per il tuo bene è meglio se non ci vediamo più!”

 

Mio Dio Che Sollievo, per lo meno tu sei andata via

Mio Dio Che Sollievo, eri una cambiale donna mia

Mio Dio Che Sollievo, giuro non ti sopportavo più

Mio Dio Che Sollievo, prenditi la strada e vai...

 

È inutile ca cuenti, mancu tu si Bredde Pitti

Si peciu ti nu muscone e aggiu struttu sai lu fritti

No ti lassai pi telefunu cu no sprecu n’essemmesse

Si’ co’ ‘na stampa ti mieru ca la llavi e non ci esse!

 

Ma almeno oggi capita che

Aggiu fare nu provinu pi Canale Cinque

Divento velina e poi faccio il calendario

E ci mbestu lu divanu, mi tocca nu ministeriu!

Poru a te!

 

Mio Dio Che Sollievo, per lo meno tu sei andata via

Mio Dio Che Sollievo, mo’ ti truei futtutu fessa mia

Mio Dio Che Sollievo, giuro non ce la facevo più

Mio Dio Che Sollievo, piccé ‘nzallu/a eri tu...

 

Scarpe alte un metro e venti,

Ed il pirsing anche sui denti

Il fusò esalta le tue forme,

Ma purtroppo hai un sedere enorme

 

Cu ‘ddhru cavallu pulizzi an terra

Li ‘cchiali ti facinu effettu serra

Silicone in abbondanza

ma dal top fuoriesce la panza

 

Mio Dio Che Sollievo...

 

La panza propriu no

Ministru ti la ‘struzione

 

Fammi cariciare mattoni di tufo però ti prego no

Ambiente e terrorismu

Lu iddhricu ti fore no

 

Rapporti col Parlamento, sessuali...

Prenditi il mio cuore e va...

...Infrastrutture...

 

 

 

_________________________

 

 

11. QUATTRU RMX

 

No unu, no doi, no tre… quattru!

 

T’aggiu ‘ista l’addhu giurnu

Ca issivi ti la scola

Purtai ddhi scarpe fucsia

Ca mi facinu mpaccire

 

Sta scia cu mi bbicinu

Cu ti portu lu zainu

Però tu si nchianata

Sullu scuterre ti Sergiu

 

Rimasi ‘occa ‘perta

Li razze mi so catute an terra

Tuttu iò mi spittava

Ma no certu ca ti ndi vai cu Sergiu!

 

Eppuru t’amu ancora

Giuru! Ti ‘ogghiu ancora!

Ci no mi criti allora

Cuastame li cruci!

Cuastame!

 

E so’ rimastu cu

Lu scubidù a manu

Ti l’era fattu iò

Culli culuri ti lu Lecce

 

E mo’ sto a casa e

Ti pensu ogni momentu

E prou cu mi convincu

Ca cu Sergiu sinti crussupina

 

Si beddha co’ lu sole

Gghè grande questo nostro amore

Ma a meve mi pircote

Quistu fattu ca ti ndi vai cu Sergiu

 

Eppuru t’amu ancora

Giuru! Ti ‘ogghiu ancora!

E ci tu nu tuerni sai

Che resterà di me?

 

(Unu) Nu fiuru ca ha siccatu

(Toi) To’ portachiai spizzati

(Trete) Tre pagine ti tema

Cu contu la nostra storia

 

(Unu) Nu core tissanguatu

(Toi) To’ uecchi rrussicati

(Trete) Tre palle rotte e

Quattru osse pi llu brotu!

 

Sergiu! Ti spriculu!

 

‘Ulìa propriu cu sacciu

Ce tene cchiù ti me ‘stu Sergiu

Non ci tormu ti notte

Pi lla voglia cu lu spriculu!

 

Ma gghè nu tantazione!

Cull’orcuma mi llea lu sole

E ci vae mi zzacca sai

Che resterà di me?

 

(Unu) Nu nasu spuddhatu

(Toi) To’ uecchi ‘gnuricati

(Trete) Tre pagine ti refertu

Allu prontu soccorsu!

 

(Unu) Nu polsu sbutatu

(Toi) To’ pormoni forati

(Trete) Tre palle rotte e

Quattru osse pi llu brotu!

 

Ciao io sono Sergio

No fare cu mi stizzu

No sacciu ci lu sai

Ma so campione di Giùggizzu!

 

È stata la zzita tua

Ca m'ha dittu cu lla ccumpagnu

Perciò vabbande a casa

Ci no buei cu ti stampagnu

 

Li musi, magari cu na

Sbranga ti fierru! 'I ca

Ti spaccu la facce

Culli scarpe antinfortunistica!

 

E gghète inutile cu mi minacci

Come un pazzo

Ci tieni fegatu

Ieni e spriculame stu...

 

(Unu) Nu fiuru ca ha siccatu

(Toi) To’ portachiai spizzati

(Trete) Tre pagine ti tema

Cu contu la nostra storia

 

(Unu) Nu core tissanguatu

(Toi) To’ uecchi rrussicati

(Trete) Tre palle rotte e

Quattru osse pi llu brotu!

 

 

 

____________________________

 

 

15. COCCOFIGO CLUB

 

 

Se ti senti triste e solo

Un po’ inutile come un fagiolo

Vieni con noi al CoccoFigo Club!

 

Se ti senti solo e triste

Ma sei in vena di conquiste

Vieni con noi: non te ne pentirai!

 

Dai unisciti alla brigata

Il nostro club è una figata

Se tu lo vuoi la gioia incontrerai

Al CoccoFigo Club!

 

Se la tua tipa ti ha mollato

E ti senti un po’ sgacato

Vieni con noi

Al CoccoFigo Club!

 

La gelatina nei capelli

Siam tutti ganzi fighi e belli!

Vieni con noi e ti divertirai!

 

Dai non fare il matusa

E non cercare un’altra scusa

Se tu lo vuoi l’amore incontrerai

Al CoccoFigo Club!

 

Vieni a ballare con noi tutta notte

Faremo casino fino al mattino!

Forza buttiamoci in pista ragazzi

Amico DJ: sei proprio OK!

 

E poi finale col botto

Beviamo un chinotto!

Son proprio contento

Che divertimento!

Al CoccoFigo Club!

 

Forza prendi quel maglioncino

Salta sul mio motorino

Vieni con noi e ti divertirai

 

Porta pure qualche sfitinzia

Franca, Pamela, e pure Cinzia

Se tu lo vuoi la vita incontrerai!

Al CoccoFigo Club!

 

Vieni a ballare con noi tutta notte

Faremo casino fino al mattino!

Forza buttiamoci in pista ragazzi

Il mio amico DJ: Gglautio!

È proprio OK!

 

E poi finale col botto

Beviamo un chinotto!

Che divertimento

Son proprio contento!

Al CoccoFigo Club!

 

Vieni a ballare con noi tutta notte

Faremo casino fino al mattino!

Forza buttiamoci in pista ragazzi

Amico DJ: sei proprio OK!

 

E poi finale col botto

Beviamo un chinotto!

Che divertimento

Son proprio contento!

Al CoccoFigo Club!

 

 

 

 

Torna Alla Track List

Torna Alla Track List

Info e contatti: Abac Entertainment (Abac Digital Studio snc), Via S. Sonnino, 54 - 73048  Nardò (Le) - info@baccassino.com

P.Iva 04300050756 - Cell. 349.3964051 - All rights reserved