01. SOLO VOCI

 

Ringrazia tua madre

Per la ricotta e la giuncata

Le mozzarelle, il formaggio fresco e poi

Dille che le fuscelle e gliele riporto domani,

Se vuoi.

 

Ringrazia anche tuo padre

Se vuole venire a trovarci, noi siamo sempre qui

Senza una lira ma con tanto amor

Come la gente che vive in campanga

E poi

 

Grazie per tutta quella rughetta

La mangiamo sempre,

Non manca mai dalla nostra tavola

E per quel po' di verdura selvatica

Che per raccoglierla è arrivato fino ai Cafari

Di lunedì o di venerdì,

Io di certo non lo so...

 

_________________________

 

 

02. ACETISCE IL VINO NELLA BOTTE

 

Botte scura, botte senza coperchio

Botte che cola e che emana frescume

Oh, povero me!

Dopo tanto lavoro

Sono costretto a buttare via tutto il mio vino!

 

Acetisce il vino nella botte.

Acetisce il vino nella botte.

 

L'altro ieri mattina nella mia cantina

Sono andato a prendere il vino

Ho trovato un lago, era tutto fuoriuscito

Il vino nella botte: acetito!

 

Guarda in che stato si trova!

La gradazione era troppo alta

Oh, madonna: sta arrivando mia moglie!

 

Che tu sia maledetto: il vino è acetito

E ora non abbiamo nulla da bere

Ed era anche quello buono

Avrei voglia di darti un colpo d'accetta!

 

Maledetta questa annata,

Pare proprio che mi abbia maledetta!

E ora di tutto questo aceto

Che cosa ne facciamo?

 

Gregorio mio

Quanto vino acetito

Era quello nuovo

Il vecchio era finito

 

Comunque vada, bene o male quest'annata

Vino per casa non ne devo conservare!

 

Acetisce il vino nella botte

Acetisce il vino nella botte

E io ora come faccio a ubriacarmi?

 

________________________

 

 

03. NESSUNO MI PUÒ ACCOMPAGNARE

 

A dire il vero vorrei andare al mare però

A dire il vero vorrei andare al mare però

 

Nessuno mi può accompagnare nemmeno tu

( A dire il vero vorrei andare al mare però)

Lo sai ho forato una volta, non ci casco più

( A dire il vero ho forato a Nardò)

 

Io stavo pensando a te

Con la cinquecento bleu

Avevi detto che venivi presto

E sono già le tre: Maledetto te!

 

Ognuno ha diritto di buttarsi in acqua, o no?

( L'umidità mi fa male però)

Qua rischi di morire di caldo se resti a Nardò

( A dire il vero ho forato perciò)

 

La vespa sta da Gegè

Se passi prendila te

Che Pippi non mi ha pagato

E tu sai com'è: soldi non ce n'è!

 

Ho chiamato Gigi, Uccio, Raffaele e te

Vi aspetto già da un'ora, due, tre!

Io vi cerco sempre e sai perché?

Se non venite voi resto sempre qua!

 

Salvatore e Cosima sono andati già

Hanno fatto il bagno a Sant'Isidoro

E da domani in avanti io giuro che

La bicicletta non la presto più!

 

Nessuno mi può accompagnare nemmeno tu

( A dire il vero vorrei andare al mare però)

Te l'ho già detto una volta: non parlo più

( A dire il vero vorrei andare al mare perciò)

 

Invece di aspettare te

Lo chiedo a Mastro Pantaleo

Ma quello a quest'ora dorme e tu sai com'è!

Non mi darà mai retta!

 

Gregorio e Assunta sono già lì

Stesi al sole come lucertole

E per colpa tua succede sempre

Che io resti come un baccalà!

 

Nessuno mi può accompagnare nemmeno tu

 

_________________________

 

 

04. FILARI E GRAPPOLI

 

Che ne sai tu di una botte che colava?

Di un tizio che pigiava l'uva?

E del vigneto che abbiamo ai Patuli che ne sai?

 

Di un podere accanto a casa mia

Di tre ettari giù in periferia

Che ne sai tu delle mie tenute, che ne sai?

 

Conosci me, i miei fratelli

Tu sola sai che vendemmiamo martedì

Conosci me, la mia famiglia

Tu sola sai che siamo bestie da soma!

 

Che ne sai di mezzo ettaro di grano

Che abbiamo dovuto mietere a mano

Perché la mietitrice si è rotta tre giorni fa, che ne sai?

 

I parassiti

( Mi sono accorto l'atro giorno in campagna)

Ci hanno invasi sai

( Proprio mentre rpulivo le viti dalle foglie in eccesso)

E ara ieri, e dai lo zolfo oggi, e irrora domani

( Se il liquido per irrorare è abbastanza blu

Da colorare bene i pampini)

Sì, tu la salverai!

 

Davanti a me c'è un lotto intero

Irrorarlo tutto costa fatica

E nove notti e nove giorni

Cara, versa l'anfora perché

 

Davanti a me, ci sono tre filari

(Dammi forza, Dio mio!)

Questo liquido mi deve bastare

(E speriamo che basti)

E nove notti e nove giorni

Cara, non bagnarmi se puoi...

 

Conosci me

( Che ne sai di un podere in via Pompigliano)

La mia motozappa

( Che ho dovuto arare contromano)

Tu certo sai che da sola non lavora

( Perché hanno messo un divieto

E dalla via principale non posso entrare)

 

Che ne sai tu di questo che sto passando

Questo podere credo che sia meglio darlo via

Mi ritiro tanto io già prendo la pensione d'invalidità

(Sì, che ne sai!)

 

Davanti a me c'è un lotto intero

Lavorarlo costa fatica

E nove notti e nove giorni

Cara, lascia che lo venda perché

 

Davanti a me ci sono tre filari

( Illuminalo Dio mio!)

Qualche idiota dovrà pur comprarlo!

( E chi vuoi che ci caschi?!)

E nove notti e nove giorni

Cara, non mi scocciare se puoi...

 

_________________________

 

 

05. MEDLEY DELL'INTONACATORE

 

CHI IMPASTERÀ L'INTONACO

 

"Ora si lavora, io vado via ma torno a mezzogiorno"

Quanta malta devo impastare?

"Una betoniera, e non perdere tempo!"

E quando ritorno...

 

"Cazzuola e frettazzo nelle tue mani

Mura da riparare con i righelli

Setaccia un po' di pietrisco e poi intonaca!"

 

"Spero che sia sufficiente"

"Hai voglia! Ora zitto e impasta.

Pulisci il frettazzo, la cazzuola

E non andare a spasso"

 

"Puoi andare tranquillo, mastro Pantaleo!

Per impastare la malta fai fare a me

Sali sul ponteggio e poi intonaca!"

 

Chi impasterà l'intonaco?

La betoniera elettrica!

Il ponteggio già traballa

Ho paura a salirci, potrebbe crollare!

 

Chi impasterà l'intonaco?

Devi farlo per forza tu

Perché io già sto andando via

Preferirei tagliarmi le vene

Chi viene a impastare con me?

 

• MALEDETTA BETONIERA

 

Sono le dieci oramai

La malta non la impastai

Però non è colpa mia!

Che ne sapevo

Che questa disgraziata non si metteva in moto?

 

Come posso impastare

Se qui non c'è corrente?

E mastro Pantaleo sta per tornare!

Eccolo che arriva!

Ahimé: ci ho rimesso il posto!

Ahimé: capitano tutte a me!

 

Ma io dico

Se, se per impastare malta

Servirai maledetta betoniera!

Che importa se

Se per impastare basta un'ora!

 

Che fretta c'era maledetta betoniera

Che fretta c'era di guastarti proprio ora?

 

• E LA MALTA È SECCA

 

"E il capomastro è tornato

E la malta tu non hai impastato"

 

"Non ho colpe se la betoniera

Non ha funzionato"

 

"Non potevi impastare con pala e marra "

"No, perché appena mi piego mi fuoriesce un ernia!

 

"Ma com'è che questa maledetta non funziona?

L'ho usata tante volte ed è sempre andata bene!

 

Che danno c'è? Quanto costerà ripararla?

Stai attento perché la farò pagare a te!

La prolunga è collegata e il grasso c'è

E sul ponteggio, lì sul ponteggio

 

Ci sono gli attrezzi per ripararla

Vediamo se riusciamo a dare almeno la prima mano

Sarebbe meglio acquistare una molazza

E non fa niente se l'impasto sarà secco!

L'importante che il proprietario ci paghi!

 

Ma il coraggio di chiedergli i soldi

Quello non c'è!

 

• SPARVIERO , FRETTAZZO E CAZZUOLA

 

Con sparviero, frettazzo e cazzuola

Ci arrampichiamo sul ponteggio

E corriamo su assi così strette

Che al circo non ci riuscirebbero!

 

Con la malta nel secchio

Intonachiamo e cantiamo così

Con la faccia completamente schizzata di calce

Siamo intonacatori, gnorsì!

 

________________________

 

 

06. TU MI RUBI IL PONTEGGIO

 

Intonacatore come te

Chi diamine è? Chi diamine è?

Ha una cinquecento bleu

Chi diamine è questo fesso?

 

Usa il frettazzo come te

Chi diamine è? Chi diamine è?

Intonaca proprio come te

Chi diamine è? Non lo so!

 

Quando le case sono troppo alte

Viene lì da te, viene da te...

 

Per rubarti il ponteggio

E poi lo rimonta dove sta lui

Ma io lo vedo e ti avverto

 

Che ti ruba il ponteggio

E poi lo monta dove sta lui

Ma mentre sta iniziando a intonacare

Ecco che di colpo arrivi tu!

 

"Scendi da lì: il ponteggio è mio!"

"E tu chi sei? E tu chi sei?"

"Altrimenti chiamo la polizia!"

"Oddìo, scendo subito!"

 

"Quel ponteggio non è tuo"

"E invece sì, e invece sì!"

"È di un mio amico!"

"Non dire fesserie!"

 

L'altro ieri di notte mentre io dormivo

Sei venuto tu: ti ho visto!!!

 

Tu mi rubi il ponteggio

E poi lo monti dove stai tu!

Ma ti hanno visto e me l'hanno detto!

 

Che mi rubi il ponteggio

E poi lo monti dove stai tu

Ma mentre stai iniziando a intonacare

Mi accorgo della cinquecento bleu!

 

Ora ti sbreccio gli spigoli!

 

_________________________

 

 

07. DAI, SBATTIMI LE UOVA

 

Agatina vende le uova

Presso il mercato coperto

Agatina vende le uova

Uova fresche!

 

Sbatti le uova Uova uova uova

Le uova fresche Uova fresche

Che facciamo una frittata Una frittata

 

Sbatti le uova Uova uova uova

Agatina 'Gatina

Dai, che ho fame! Dai su, Dai su che ho fame!

 

E dai, E sbattimi le uova Dai sbattimi le uova

Uova uova uova

E dai, E sbattimi le uova Dai sbattimi le uova

Uova uova uova

E dai, E sbattimi le uova Dai sbattimi le uova

Uova uova uova

Della gallina, La gallina

La mia gallina! La gallina

 

Agatina stai attenta

Potrebbero essere marce

O, non sia mai, infette dalla salmonella

Oh, Signore, no sia mai!

 

E sbatti le uova Uova uova uova

Per piacere Piacere

Perché mi sento un po' spompato Spompato

 

E sbatti le uova Uova uova uova

Agatina 'Gatina

Dai che è mezzogiorno! Dai che, Dai che è mezzogiorno

 

E dai, E sbattimi le uova Dai sbattimi le uova

Uova uova uova

E dai, E sbattimi le uova Dai sbattimi le uova

Uova uova uova

E dai, E sbattimi le uova Dai sbattimi le uova

Uova uova uova

Perché sono spossato Sono spossato

Tanto spossato! Indolenzito

 

E dai, E sbattimi le uova Dai sbattimi le uova

Uova uova uova

E dai, E sbattimi le uova Dai sbattimi le uova

Uova uova uova

E dai, E sbattimi le uova Dai sbattimi le uova

Uova uova uova

Della gallina, La gallina

La mia gallina! Che gallina!

 

_________________________

 

 

08. ANTONIETTA

 

Ehi tu, che stai guardando?

Sto male, ebbene?

Il fatto è che

Lei non c'è più!

 

Antonietta, ritorna qui da tuo marito

Perché io da solo sto come un baccalà!

Senza Antonietta, io sono nei guai ai ai

Oh, ma torna qua: Oh, Antonietta!

 

Oh, Antonietta!

 

Vieni a vedere il tuo bambino

Piange sempre, si è fatto la bua!

Quella, tua madre, dice: "Ha fatto bene"

Però no: non ci sto! Oh, Antonietta!

 

Antonietta, amore mio:

Perché mi hai lasciato solo come uno stupido?

Guarda... io... Giuro che se torni...

Non te la spacco più la faccia

Con il portacenere di zinco

Che ti ha portato tua zia Genoveffa

Da Padre Pio!

 

Ho sbagliato

E ora sono nei guai ai ai

Oh, ma torna qua Oh, Antonietta.

Antonietta... Antonetta!

Guai ai ai a...

 

Maledetta!

 

_______________________

 

 

09. BRUTTA STORPIA

 

Brutta storpia

Con quegli occhiali che sembra due culi di bottiglia

Hai steso sul letto la coperta di ciniglia

La camicia sbottonata e quella gonna

Che sembra una tovaglia!

 

Brutta storpia

Se starnuti volano via i peli del tuo naso

E le sopracciglia ti coprono la faccia fin qui

Sono vent'anni che la notte a letto

Non mi dai neanche un bacio!

 

Brutta storpia

C'è Cosimo in cerca di fortuna

"Lampeggia lampeggia, se piove poi smette

Smette la fortuna e ne afferro una"

 

Ma se Dio ti ha fatta brutta accidenti a te

Ma perché non vai a buttarti in una cava ben profonda

Ma se Dio ti ha fatta brutta come i fulmini e la morte

Ma perché non vai a buttarti in un podere

Ne abbiamo uno di mezzo ettaro !

 

Quando passi camminando

Fai sembrare bella la spazzatura

Se ti affacci ad un balcone

Fai arrugginire la balaustra di ferro

Quando vai al cimitero ed è ora di chiusura

Se ti vede il custode

Crede che tu stia uscendo da una tomba!

 

Perché sei brutta brutta brutta storpia

Con quelle gambe ondeggianti come una serpe

Non riesci a trovare il numero di scarpa

E non vuoi aggrapparti a me sotto le coperte

E chiudi le porte!

Brutta storpia

 

Quanto sto male!

Ti ho vista la prima volta alla luce di una lanterna

Stavo pescando in riva al mare,

Accovacciato su uno scoglio

Quando ti vidi annaspare mi gettai allo sbaraglio!

 

Quanto sei brutta!

Il giorno dopo già eri innamorata di me

Sarebbe stato meglio se non ti avessi mai salvata!

 

Ma se Dio ti ha fatta brutta e nera come uno scarafaggio

Ma perché non vai a vendere telline in Spagna?

Ma se Dio ti ha fatta brutta come i tuoni di Marzo

Avrei voglia di darti quattro schiaffi

E ricominciare al terzo!

 

Madonna quanto sei brutta, puah brutta!

 

Ti farei a brandelli i tuoi vestiti da donnaccia

E ti lascerei tutta nuda nella neve della tundra!

Ma siccome sono uomo e non son certo candeggina

Ti do tempo per sparire dalla mia vista fino a domattina

Perché mi hai fatto cornuto

Brutta storpia

 

Brutta storpia

Che Dio mi salvi!

 

_________________________

 

 

10. VESTITI

 

Vestiti

Che sento freddo io per te

Ho la pelle d'oca solo a vederti

In nome di Dio

Vatti a vestire!

 

Sandali

Senza le calze mettiti

C'è uno scialle sopra il bidèt

Vatti a mettere i sandali

 

Guai se

Esci fuori a torso nudo

Io me ne vado

Tu però vestiti

 

Vestiti

Vai a sapere cosa ti metterai

Ci sono i pantaloni rossi e blu

Ascoltami: infilali!

 

Altrimenti

Sai che ti viene 46 di febbre

E poi

Soldi per andare dal medico non ne hai

 

Vestiti

Che dobbiamo andare da zio Pantaleo

Non hai proprio giudizio tu!

Sbrigati! Vestiti!

 

________________________

 

 

11. IL SEMIASSE È ROTTO

 

La puleggia e la cinghia sono di un'Ape Piaggio

È successo di notte sotto un nubifragio

Senza che me ne accorgessi ho preso una buca

La parte anteriore e posteriore dell'Ape hanno sbandato!

 

Dovevo fare un trasporto per Luigi Calabrese

Ma lui paga sempre a fine mese

E se non glielo faccio perdo un altro cliente

E poi devo andare a fare il delinquente

 

Il semiasse è rotto

Il semiasse è rotto

Se lo porto a riparare da Mastro Nicola

Mi farà un prezzo da strozzino!

 

Il semiasse è rotto

Il semiasse è rotto

Ahimé quanti danni! Per poterla riparare

Dovrò lavorare un anno!

 

Quando ormai credevo che tutto fosse finito

Mi son ritrovato col sedere per terra!

Accidenti all'Ape! Chi me lo fa fare?

Dovrei andare a scaraventarla dentro una cava!

 

Tutto l'Ape non funziona

Tutto l'Ape non funziona

Se lo porto a riparare da Mastro Nicola

Mi farà un prezzo da strozzino!

 

Il semiasse è rotto

Il semiasse è rotto

Fosse solo quello! Ora s'è rotta pure

La coppa dell'olio!

 

Il semiasse è rotto

Il semiasse è rotto

Se lo porto a riparare da Mastro Nicola

Mi farà un prezzo da strozzino!

 

Il semiasse è rotto

Il semiasse è rotto

Accidenti all'Ape! Chi me lo fa fare?

È una cambiale!

 

_________________________

 

 

12. NARDÒ NARDÒ

 

Ditelo voi che state con me

Non è una meraviglia questa

Nardò Nardò?

 

Le strade scassate

La gente incazzata

Dove vuoi trovarli tu

Se non a Nardò?

 

Ogni mattina io mi sveglio con te

Mi alzo per andare a raccogliere le olive

Vieni con me?

 

Il cielo è più blu quando ci sei tu

Questo cuore esplode nel mio petto

Per te Nardò!

 

Ci sono mille città ma sono felice qua

Perché sono di Nardò Nardò!

 

Nardò Nardò!

 

Ogni mattina io mi sveglio con te

Nardò io ti amo sai?

Peggio per me!

 

My little town shoes are melting away

I'll make a brand new start of it in old Nardò

 

Ci sono mille città ma sono felice qua

Perché sono di Nardò Nardò!

Info e contatti: Abac Entertainment (Abac Digital Studio snc), Via S. Sonnino, 54 - 73048  Nardò (Le) - info@baccassino.com

P.Iva 04300050756 - Cell. 349.3964051 - All rights reserved