01. SVEGLIA

 

...Antonietta...

Ma che giorno è oggi?

 

________________________

 

 

02. LA FEBBRE DEL LUNEDÌ MATTINA

 

Impastami la malta

La malta mi rovina

Impastami la malta

 

Intonaca Intonaca Intonaca

Intonaca Intonaca Intonaca

Intonaca Intonaca Intonaca

 

Intonaca Intonaca Intonaca

Intonaca Intonaca Intonaca

Intonaca Intonaca Intonaca

 

Quando vai a zappare tutta la settimana

Perché ti tocca andare in campagna a dissodare la terra

La schiena si blocca e sembra che si spezzi

Non ti sollevano da terra neanche con una corda

 

E allora cambi mestiere

Ma la malta non è certo

Il mestiere più semplice che ci sia

 

Specie dopo la domenica

Non ce la fai! Non ce la fai! Non ce la fai!

 

Lunedì Lunedì

Non mi va di lavorare

Quando canta quel gallo

Lo vorrei ammazzare!

 

Lunedì sai che c’è?

Mi faccio venire la febbre

Poi porto il certificato medico

A mastro Pantaleo!

 

Quando arriva febbraio e ti alzi la mattina

Devi accendere un fuocherello dentro al secchio

Ti ritrovi al freddo e al gelo e pensi al tuo letto

E ti sembra che qualcosa ti opprima il petto!

 

Mannaggia il Lunedì!

Non c'è giorno più cattivo

E disonesto di così!

 

Specie dopo la domenica

Non ce la fai! Non ce la fai! Non ce la fai!

 

Lunedì Lunedì

Non mi va di lavorare

Quando canta quel gallo

Lo vorrei ammazzare!

 

Lunedì sai che c’è?

Mi faccio venire la febbre

Poi porto il certificato medico

A mastro Pantaleo!

 

Però un mestiere c’è

Che fa proprio per me

Se vuoi dormire di lunedì

Fa' il barbiere! Yeah!

Fa' il barbiere! Yeah!

Fa' il barbiere! Yeah!

 

Intonaca Intonaca Intonaca

Intonaca Intonaca Intonaca

Intonaca Intonaca Intonaca

 

Impastami la malta

La malta mi rovina

 

La cinquecento bleu!

 

 

________________________________

 

 

03. ROCK'N'ROLL NARDÒ

 

Ho viaggiato tanto

Sono stato in tutta l'Italia

Ho visto Milano ho visto Verona

Bologna Firenze e pure Ancona

Sono belle città.

 

Con i monumenti anneriti

Per l’inquinamento

Non puoi camminare non puoi respirare

Non puoi neanche…

Ma sono belle città.

 

Però ogni volta che sono tornato a casa

Mi son sentito meglio

Mi son sentito proprio a casa!

 

Nardò mia Nardò mia per piccina che tu sia

Amo di te pure le buche nelle strade

Che passi con la macchina e spacchi i copertoni

Ma tanto c’è il sindaco

Che te li ricompra, sì!

 

E mi piaci Nardò

Per la segnaletica

Esci di casa per andare all'alimentari

E devi passare per forza da Galatone!

 

E poi per i giovani

Gli spazi sono tanti

Ci sono discoteche ci sono ristoranti

Il verde pubblico ti acceca

Cosa vogliamo di più?

 

E soprattutto gli amministratori

Sono belli e onesti

Che pensi di essere a Roma!

 

Nardò mia Nardò mia per piccina che tu sia

Amo di te i fichi d'india sui rami

Li vedi colorati, vai a raccoglierli e ti pungi

Però noi neretini siamo fatti così, sì!

 

Nardò mia Nardò mia dove non c’è mai lavoro

Solo per quelli a cui non va di lavorare!

E siamo tutti sindaci e tutti allenatori

 

Ci basta avere la macchina, però senza benzina

Ci basta passeggiare a Santa Caterina

Ci basta lamentarci perché abbiamo pochi soldi

Ci basta prenderci per i fondelli l’un l’altro

E Siamo contenti così.

 

 

 

________________________________

 

 

04. TRUSIANA

 

Sei partita l’anno scorso

Per andare a far la spesa

E m’hai fatto la sorpresa

Non sei più tornata qui

 

È da un anno che t’aspetto

Qui vicino al caminetto

Per scaldare il cuore mio

Così freddo senza te

 

Trusiana, Trusiana del mio cuore

Non riesco a far l’amore

Se tu non sei con me

 

Trusiana, Trusiana ritorna

Ti aspetta anche la nonna

E la zia Tetè.

 

(Parlato)

Trusiana, da quando sei partita Trusiana

In questa casa non c’è più pace

Ogni giorno nuove guerre

Ogni giorno nuovi morti

 

Al nonno Trusiana

Al nostro amato nonno è venuto un colpo

E il dottore, il dottore ha detto:

 

(Cantato)

Non c’è più niente da fare

Vi potete rassegnare

E mettetevi a pregare

Che ben presto tira le cuoia

 

Era un bravo zappatore

Tutto a un tratto un gran malore

L’ha colpito dritto al cuore

E l’ha portato via con sé

 

Trusiana, Trusiana del mio cuore

Il nonno è qui che muore!

E tu non sei con me

 

Trusiana: qui servono denari

Ma te li sei intascati tutti

E adesso noi come facciamo?

 

Alla fine della storia

Senza speme e senza gloria

Hai perduto la memoria

E mi dici “Amore mio!”

 

Ma a me no mi fai fesso

Sparisci dalla mia vista

E se vuoi soldi, Trusiana

Vai a fare la…

 

Trusiana, Trusiana del mio cuore

Vengo ora dalla campagna

Ho raccolto un po' di cicorie

 

Trusiana, per un anno ho patito

Ma adesso mi sono stancato!

No ti posso proprio vedere…

No ti posso proprio vedere…

No ti posso proprio vedere!!!

 

 

_________________________

 

 

05. GIOVENTÙ INFIAMMATA

 

Se ti squilla Il cellulare

Mentre sei per strada

Se nascondi la sigaretta

Quando vedi tua zia Ada

 

Se stai andando al mare in due

Con il motorino

Ma poi salti dalla sella se vedi

Il vigile con il taccuino!

 

Se tua madre ti fa la predica

Dalla sera alla mattina

Perché ha trovato il tuo cuscino

Impiastricciato di gelatina!

 

Sei un giovane d'oggi e fai parte

Di questa gioventù infiammata, amico!

Sei un giovane d'oggi e fai parte

Di questa gioventù bruciata, amico!

Se le ragazze ti mettono il fuoco addosso

La tua fidanzata con uno schiaffo te lo spegne!

 

Se ti piacciono le bionde

Con la ricrescita nera

Se tuo padre ti rimprovera aspramente

Perché non ti va di andare in campagna!

 

Se l'idea di studiare tu l'hai sempre

Presa a fucilate

E se piuttosto che lavorare

Ti butteresti da un campanile

 

Se ti sembra presto quando

Rientri alle tre

E ti fai venire un ictus

Per non lavarti le parti intime!

 

Sei un giovane d'oggi e fai parte

Di questa gioventù infiammata, amico!

Sei un giovane d'oggi e fai parte

Di questa gioventù arrostita, amico!

Se le ragazze ti mettono il fuoco addosso

La tua fidanzata con uno schiaffo te lo spegne!

 

Sei un giovane d'oggi e fai parte

Di questa gioventù infiammata, amico!

Sei un giovane d'oggi e fai parte

Di questa gioventù inguaiata, amico!

Se la fidanzata t’ha lasciato l’altro giorno

 

È perché tu hai la 127 blu di tuo padre

Con i buchi nella scocca per la ruggine e i sedili in pelle

Che ti si arrossa il sedere e ti si bruciano i peli delle gambe

E invece quell’altro ha un Mercedes enorme

 

Con i sedili in alcantara

Quattro per quattro da 30 mila euro

Con la vernice al titanio, triplo antifurto

Stereo Super Bass Boost con il caricatore

Da trentacinque cd

Navigatore satellitare

Il filtro antiparticolato

La marmitta "paralitica"

Ed è pure climatizzata!

 

_________________________

 

 

06. È UNO SBALLO

 

(Ale-ccss)

Mi sono alzato stamattina

Con la voglia di fumare

Non avevo ancora aperto gli occhi

E mi sono fatto uno spinello!

 

Poi sono andato a comprare

La Gazzetta dello Sport

Per vedere ieri pomeriggio

Cosa ha fatto il Nardò

 

E poi dice che i giovani

Non leggono i giornali

Sono animali asociali criminali

Sempre con quegli occhiali neri

 

E del mondo non ce ne fotte niente

Ah beh: sei bello tu

Che porti scompiglio con indifferenza!

 

È uno sballo, amico!!!

È uno sballo, amico!!!

 

Poi sono andato al bar

A prendere un caffettino

E organizzare la serata

Nella discoteca di Antimino!

 

Perché come secondo mestiere

Io faccio il PR

E come primo coltivo

Marijuana nelle serre!

 

E nel bar ho incontrato

Due tre quattro ragazze

Tutte bionde le tette tonde

E la minigonna che niente nasconde

 

E ho chiesto loro se vogliono fare le cubiste

Arrivò il padre: Era più grosso di Maciste!

 

È uno sballo, amico!!!

È uno sballo, amico!!!

 

Alla fine sono tornato a casa

Per farmi uno sciampo

Madonna quanto sono figo!

Iò alle femmine le fulmino!

 

La camicia col colletto a punta

E il pantalone a vita bassa

Che "il gingillo"

Me lo fascia ben bene

 

In discoteca c'è Claudio

Insieme a Genevieve

E c’è Solange che piange

Perché vuole stare con me

 

Mi tice che le manco

Da quando vive a Roma

Ma stanotte stai qua,

Vieni con me al cesso e

 

È uno sballo, amico!!!

È uno sballo, amico!!!

 

(Solange)

Ma questa notte è tutta nostra

La discoteca è la risposta

Alla domanda: “Che campi a fare?”

 

(Ale-ccss)

Come sarebbe? Per me

La discoteca è…

 

È uno sballo, amico!!!

È uno sballo, amico!!!

 

_________________________

 

 

07. ORZATA GHIACCIATA

 

Cara  Mimì, io t’ho rivista

Questa mattina dal farmacista

Mentre acquistavi le fave di fuca

A me è venuto un colpo apoplettico

 

Sì, ero io quello che è svenuto

E che cadendo i denti ha sbattuto

Ora sto a casa che ti scrivo

Ringrazio Dio che sono vivo!

 

Piccola gioia del mio cuore

Dentro quell’auto quanto calore!

Poi in quel bar tu hai ordinato

Cinque cornetti e un’orzata ghiacciata!

 

Che cosa vuoi che ti scriva?

Ti amo e mi sento ferito

Perché tu non mi hai calcolato

Neanche di striscio!

 

Avevi appena ventiquattro anni

Che ci incontrammo alla festa di Sergio

Con gli occhi bassi e quel musetto

Dopo mezz’ora già eravamo a letto!

 

Piccola gioia del mio cuore

Mentre in quell’auto facevamo l'amore

La cinquecento senza fanale

Era per noi una cattedrale!

 

Ti guardo e sei ancora bella

Con le orecchie a sventola

Ti prego ritorna da me

C’ho l’orzata nel frigo!

 

Che resta del nostro amore?

Un’orzata ghiacciata e il dolore

Ti abbraccio con tutto il mio cuore

Ciao Mimì

Tuo Salvatore.

 

 

_________________________

 

 

08. SANGUE DI QUELL'OBLIQUO

 

(Ale-ccss)

Abbiamo messo su un complesso e suoniamo da Dio

E sentissi poi che sorta di canzoni che scrivo

C’è Claudio (Io!) che scratcha i dischi

Solange e Genevieve che si beccano i fischi

 

A me tocca suonare il basso con questa tracolla

Che se rimbalza male "il gingillo" me lo sfascia

Dice il produttore nelle canzoni che scriviamo

Le parole di noi giovani è il caso che inseriamo!

 

(Ragazze) : Sangue di quell’obliquo!

(Ale-ccss) : Yeah, Yeah

(Ragazze) : Una frase d’amore, un urlo di speranza per noi!

(Gglautio) : Tanto amore! Pisellò! (Cioè “peace and love”)

 

(Ragazze) : Sangue di quell’obliquo!

(Gglautio) : Quell’obliquo sì, quell’obliquo!

(Ragazze) : Ma st' obliquo poi chissà che diamine è!?

(Gglautio) : E che vuoi che sia, amico!?

 

(Ale-ccss) : Un saluto ai massicci di via Concordato! Respect!

 

E poi i giovani d'oggi non sono cattivi ragazzi

È solo che dovevamo nascere a Brooklyn

Perché nel nostro  paese, dove siamo nati

Con questi occhiali e sto berretto ci prendono per idioti

(Gglautio) : Bastardi!

 

(Ale-ccss)

E allora questo nostro disagio interiore

Vogliamo gridarlo notte e giorno, a qualsiasi ora!

(Gglautio) : Qualsiasi!

(Ale-ccss)

E se siete d’accordo ripetete con me

La frase che il motto di noi giovani è!

(Gglautio) : Salta!

 

(Ragazze) : Sangue ti quell’obliquo!

(Gglautio) : È fondamentale che saltiate ragazzi!

(Ragazze) : Una frase d’amore, un urlo di speranza per noi!

(Ale-ccss) : Io, io, tu, io!

 

(Ragazze) : Sangue di quell’obliquo!

(Ale-ccss) : Quell’obliquo sì, quell’obliquo!

(Ragazze) : Ma st' obliquo poi chissà che diamine è!?

(Gglautio) : Raga, voglio vedervi saltare come cavallette!

 

(Ragazze) : Sangue ti quell’obliquo!

(Gglautio) : Guardate Alecc-ss come salta!

(Ragazze) : Una frase d’amore, un urlo di speranza per noi!

(Ale-ccss) : Ahia! Il basso! Il gingillo! Porco Squalo!

 

(Ragazze) : Sangue di quell’obliquo!

(Ale-ccss) : Amico, mica sapevo che non riesci a saltare senza colpirti lì!

(Ragazze) : Ma st' obliquo poi chissà che diamine è!?

(Gglautio) : Quanto sei scemo, se non ti "cogliessi" mica si chiamerebbero cogli...…

 

(Ragazze) : Sangue di quell’obliquo!

 

 

_________________________

 

 

09. QUATTRO

 

Non uno, non due, non tre… quattro!

 

Ti ho vista l’altro giorno

Mentre uscivi da scuola

Indossavi quelle scarpe fucsia

Che mi fanno impazzire

 

Stavo per avvicinarmi

Per portarti lo zainetto

Però tu sei salita

Sullo scooter di Sergio

 

Rimasi a bocca aperta

Le braccia mi son cadute a terra

Tutto mi sarei aspettato

Ma non certo che andassi via con Sergio!

 

Eppure ti amo ancora

Giuro! Ti voglio ancora!

Se non mi credi allora

Rompi il giuramento!

Rompilo!

 

E sono rimasto con

Lo scubidù in mano

Te l’avevo fatto io

Con i colori del Lecce

 

E adesso sono a casa e

Ti penso ogni momento

E provo a convincermi

Che Sergio è tuo cugino

 

Sei bella come il sole

È grande questo nostro amore

Ma a me da particolarmente fastidio

Questo fatto che te ne vai con Sergio

 

Eppure ti amo ancora

Giuro! Ti voglio ancora!

E se tu non torni sai

Che resterà di me?

 

(Uno) Un fiore appassito

(Due) Due portachiavi rotti

(Tre) Tre pagine di tema

Per raccontare la nostra storia

 

(Uno) Un cuore dissanguato

(Due) Due occhi rossi di pianto

(Tre) Tre palle rotte e

Quattro ossa per il brodo!

 

Sergio! Ti distruggo!

 

Vorrei proprio sapere

Cos'ha di più di me ‘sto Sergio

Non ci dormo la notte

Per la voglia che ho di distruggerlo!

 

Ma è un armadio a due ante!

Con la sua presenza mi fa ombra

E se mi acchiappa sai

Che resterà di me?

 

(Uno) Un naso rotto

(Due) Due occhi neri

(Tre) Tre pagine di referto

Al pronto soccorso!

 

(Uno) Un polso slogato

(Due) Due polmoni forati

(Tre) Tre palle rotte e

Quattro ossa per il brodo!

 

Uno, Due, Tre, Sergio! Ti distruggo!

Uno, Due, e Tre, Sergio! Ti distruggo!

 

(Uno) Un fiore appassito

(Due) Due portachiavi rotti

(Tre) Tre pagine di tema

Per raccontare la nostra storia

 

(Uno) Un cuore dissanguato

(Due) Due occhi rossi di pianto

(Tre) Tre palle rotte e

Quattro ossa per il brodo!

 

 

 

_______________________

 

 

10. CONTROPIZZICA

 

Il mio tamburello non viene da Roma

Il mio tamburello non viene da Roma

Glielo rubai a una - Glielo rubai a una

Glielo rubai a una Napoletana

 

Ma la Napoletana l’ha saputo

Ma la Napoletana l’ha saputo

Mi ha fatto inseguire dal fratello

Mi ha fatto inseguire dal fratello

 

Il fratello per inseguirmi è caduto

Il fratello per inseguirmi è caduto

È finito dritto dritto in ospedale

È finito dritto dritto in ospedale

 

In ospedale c’era un infermiere

In ospedale c’era un infermiere

Ha detto ti tocca aspettare un’ora e mezza

Ha detto ti tocca aspettare un’ora e mezza

 

Tu devi essere scemo ha detto lui

Tu devi essere scemo ha detto lui

Ti do cinquanta euro e salto la fila!

Ti do cinquanta euro e salto la fila!

 

Io nel frattempo già stavo davanti al mare

Io nel frattempo già stavo davanti al mare

Buttato come un polpo su uno scoglio

Buttato come un polpo su uno scoglio

 

Ma il polpo con la sua stessa acqua si cuoce

Ma il polpo con la sua stessa acqua si cuoce

E proprio allora vidi passare una ragazza

E proprio allora vidi passare una ragazza

 

Ed era una ragazza bionda e alta

Ed era una ragazza bionda e alta

Del bikini non indossava il pezzo superiore

Del bikini non indossava il pezzo superiore

 

Allora io per fare il figo

Allora io per fare il figo

Mi misi a suonare il tamburello

Mi misi a suonare il tamburello

 

Il tamburello fa tanto rumore

Il tamburello fa tanto rumore

Si sente da vicino e da lontano

Si sente da vicino e da lontano

 

E da lontano lo sentì il fratello

E da lontano lo sentì il fratello

Il fratello di quella Napoletana

Il fratello di quella Napoletana

 

Quello si avvicinò e mi riempì di botte

Quello si avvicinò e mi riempì di botte

Il tamburello me lo lasciò, ma mi fregò la bionda

Il tamburello me lo lasciò, ma mi fregò la bionda

 

E Santo Paolo mio delle tarante

E Santo Paolo mio delle tarante

Di puttanate io ne ho fatte tante

Di puttanate io ne ho fatte tante

 

Ma Santo Paolo mio dei serpenti

Ma Santo Paolo mio dei serpenti

Questa pizzica ha rotto le scatole!

Questa pizzica ha rotto le scatole!

 

E a chiunque mi chieda da dove venga

E a chiunque mi chieda da dove venga

Il mio tamburello io rispondo

Il mio tamburello io rispondo

 

Il mio tamburello non viene da Roma

Il mio tamburello non viene da Roma

Glielo rubai a una - Glielo rubai a una

Glielo rubai a una Napoletana

 

 

_________________________

 

 

11. LOLA

 

Mi son svegliato presto stamattina

Che sentivo dal garage

Forte odore di benzina

 

Mi son buttato giù dal letto e ahia

Ho battuto col ginocchio

E ho buttato giù lo specchio…

E crash…

 

Quando ho finito poi di bestemmiare

Sono sceso giù al garage

Che volevo controllare

 

Quello che ho visto è stato un colpo al cuore

C’era tutto un gran bailamme

E la motozappa in fiamme!!!

 

Lola! La motozappa mia sei tu!

Lola! A farti questo ma chi fu!

Lola! Vengo a salvarti amore mio

Ti butto terra addosso e il mio maglione blu

Quello che hai fatto tu!

 

Stanno arrivando con i lampeggianti

Puoi sentire le sirene

Fate in fretta tutti quanti!

 

Hai riportato, Lola, gravi ustioni

Ti ho pagata sei milioni

Mi son rotto abbastanza!

 

Lola, dimmi chi è stato amore mio

Lola, che se lo acchiappo poi so io

Lola, cosa gli faccio a quel bastardo

Sono violento se mi incardo

E tu lo sai! Non si scherza con me!

 

Ti ricordi quante notti

A zappare lì in campagna

Sognavamo di zappare

La Gran Bretagna!

 

Zigzagando tra i filari

Tra le vigne e le patate

Sempre insieme noi, che fantastica

‘Ntastica estate!

 

Lola…

 

Lola, perché ti stan portando via

No non può essere

Non lasciarmi amica mia!

 

Scorrono calde lacrime sul viso

Tu ora zappi in Paradiso

Zappa ancora con me…

 

 

_________________________

 

 

12. LUIGINO

 

L’altro giorno di buon mattino

Ero in giro col motorino

E pensavo che alla squadra del mio cuor

Ci manca un goleador!

 

Uno che faccia rete davvero

Quindi non come Vieri e Del Piero

Il presidente però soldi non ne ha

Che schifo di società!

 

Però passando dai campetti

Ho visto giocare i lupetti

C’era il figlio di mio cugino

Si chiama Luigino:

Che reti che fa!

 

Luigino, Luigino

Tu sei il nostro campioncino

Attaccante più forte di te non c’è

Sei meglio di Trezeguet!

 

Luigino, Luigino

Dai piazzala all’angolino

Fa’ esplodere la curva! Vai così!

E portaci in Serie Ghi!

 

Domenica c’è la partita

Proprio quella che vale una vita

Questa volta c’è in ballo la promozion

Ti prego facci un gol!

 

I tifosi lì sul parapetto

Ti hanno già dedicato un coretto

E buttando dalla curva un motorin

Ti gridano “Forza Luigin!”

 

C’è il lancio lungo del portiere

Il centrocampo lo riceve

La palla arriva al terzino

La crossa a Luigino

La incorna ed è GOL!

 

Luigino, Luigino

Tu sei il nostro campioncino

Attaccante più forte di te non c’è

Sei meglio anche di Pelè!

 

Luigino, Luigino

Dai piazzala all’angolino

Fa’ esplodere la curva! Vai Luigì!

E portaci in Serie Ghi!

E portaci in Serie Ghi!

E portaci in Serie Ghi!

E portaci in Serie…

 

 

_________________________

 

 

13. SOTTO AL RAMO DI VITE

 

 

 

La foglia ormai è verde

Dobbiamo andare ad irrorarla

Se cominciamo alle cinque

Per le undici finiamo

 

Dobbiamo darci una mossa

Correre come una trottola

Perché appena ti distrai un attimo

Arriva subito la peronospora!

 

Peronospora, Peronospora, Peronospora.

Ahi Ahi!!!

 

L’uva è nera e concimata

Sottovento a ponente

Con lo zolfo è maturato

Quel grappolo che pende

 

Se qualcuno ce lo ruba

Ascolta quello che ti dico

Se mi capita tra le mani

Lo faccio diventare paralitico!

 

Paralitico! Paralitico! Paralitico!

Ahi Ahi! Ahi Ahi! Ahi Ahi!

 

Quanto ci pia… Quanto ci piace

Irrorare!

In campa… In campagna

In località Pompiliano!

 

La pompa appe’… La pompa appesa

Al ramo di vite

E io con te, E io con te

Sotto al ramo di vite!

 

Anche il grappolino si è inturgidito

Lo dobbiamo vendemmiare

Se cominciamo alle cinque

Per le undici finiamo

 

L’Ape Piaggio 50 già è pronta

Col telone e la sponda rialzata

E le forbici da vendemmia

Io le ho già affilate!

 

Già affilate! Già affilate!

Ahi Ahi!

 

Le foglie sono bagnate

Perché stanotte ha piovigginato

Nel podere non si può entrare

Mi è sprofondato un piede nella terra!

 

Tu avresti voluto vendemmiare

E infatti ti vedo triste

Adesso aspettiamo che il vigneto si asciughi

E poi ti creo un sentiero tra i filari!

 

Un sentiero. Un sentiero.

Ahi Ahi! Ahi Ahi! Ahi Ahi!

 

Quanto ci pia… quanto ci piace

Vendemmiare!

In campa… In campagna

In località Pompiliano!

 

Il grappolo appe… Il grappolo appeso

Al ramo della vite!

E io con te, E io con te

Sotto al ramo di vite!

 

(Rappato)

 

E pure per questa canzone

Adesso è l’ora della pappa

L’ora che io preferisco

Quando il cantante rappa

 

E se si tratta ti rappare* (*doppio senso con "allappare")

Io sono meglio di un kaki

Io non so come faccio

Ma le parole le sparo a raffica!

 

E questa canzone l’ho dedicata all’uva

A chi la vendemmia e va in campagna

E anche se lavora gli piace fare l’amore

E se aspettiamo questa pioggia forse smetterà

E ci abbracceremo stretti sotto il ramo della vite!

 

Quanto ci pia… quanto ci piace

Vendemmiare!

In campa… In campagna

In località Pompiliano!

 

Il grappolo appe… Il grappolo appeso

Al ramo della vite!

E io con te, E io con te

Sotto al ramo di vite!

 

 

____________________________

 

 

14. IL LADRO

 

 

Come dicevano i vecchi

Se non curi il tuo giardino

Per estirpare la gramigna

Stai pur certo che saranno dolori!

 

Hai lasciato il portone di casa

Appena appena socchiuso

Quel bastardo di un marpione

In silenzio ci si è infilato!

 

È entrato un ladro        (un ladro un ladro)

In casa mia                  (quel ladro che ladro)

Ha ficcato il naso         (il naso il naso)

Nelle cose mie             (un ladro un ladro)

 

Mi ha rubato la sedia

Che usavo per sedermi con te

Il piatto di pasta

Che dividevo con te

 

Mi ha rubato il tempo

Ca io passavo con te

I baci e le carezze

Che tu davi a me

 

Mi ha rubato la gioia che mi davi

S’è fregato l’amore che mi davi

L’altro giorno per andare al lavoro

Ha preso la mia bicicletta!

 

È entrato un ladro        (un ladro un ladro)

In casa mia                  (quel ladro che ladro)

Ha ficcato il naso         (il naso il naso)

Nelle cose mie             (un ladro un ladro)

 

Mi ha rubato l’anima mia

S’è fregato la notte e il giorno

Quando guardavo negli occhi tuoi

Vedevo tutta la vita mia, ma ora…

 

È entrato un ladro        (un ladro un ladro)

In casa mia                  (quel ladro che ladro)

Ha ficcato il naso         (il naso il naso)

Nelle cose mie             (un ladro un ladro)

Ma lo afferrai per il collo!

 

Chiama la Polizia! Chiama la Polizia!

Che me lo levi dalle mani! Che me lo levi dalle mani!

Prima di passare un guaio!

 

Qua il mondo a quanto pare

Si sta capovolgendo

Un attimo mi sono distratto

E ho perso tutto

 

E se vado a finire in galera

Non me ne importa niente

Però a quel tizio vorrei rompergli

Il manico della zappa sui denti!

 

È entrato un ladro        (un ladro un ladro)

In casa mia                  (quel ladro che ladro)

Ha ficcato il naso         (il naso il naso)

Nelle cose mie             (un ladro un ladro)

 

Mi ha rubato l’anima mia

S’è fregato la notte e il giorno

Quando guardavo negli occhi tuoi

Vedevo tutta la vita mia, ma ora…

 

È entrato un ladro        (un ladro un ladro)

In casa mia                  (quel ladro che ladro)

Ha ficcato il naso         (il naso il naso)

Nelle cose mie             (un ladro un ladro)

 

Si è mangiato il formaggio   (il formaggio il formaggio)

Più fresco che avevo             (bastardo di un ladro)

Però lo afferrai per il collo!

 

Chiama la Polizia! Chiama la Polizia!

Chiama la Polizia! Chiama la Polizia!

 

 

___________________________

 

 

15. COCCOFIGO CLUB

 

 

Se ti senti triste e solo

Un po’ inutile come un fagiolo

Vieni con noi al CoccoFigo Club!

 

Se ti senti solo e triste

Ma sei in vena di conquiste

Vieni con noi: non te ne pentirai!

 

Dai unisciti alla brigata

Il nostro club è una figata

Se tu lo vuoi la gioia incontrerai

Al CoccoFigo Club!

 

Se la tua tipa ti ha mollato   (Con Sergio)

E ti senti un po’ giù

Vieni con noi                       (Ma non portare Sergio)

Al CoccoFigo Club!              (Altrimenti lo distruggo!)

 

La gelatina nei capelli

Siam tutti ganzi fighi e belli!

Vieni con noi e ti divertirai!

 

Dai non fare il matusa

E non cercare un’altra scusa

Se tu lo vuoi l’amore incontrerai

Al CoccoFigo Club!

 

Vieni a ballare con noi tutta notte

Faremo casino fino al mattino!

Forza buttiamoci in pista ragazzi

Amico DJ: sei proprio OK!

 

E poi finale col botto

Beviamo un chinotto!

Son proprio contento

Che divertimento!

Al CoccoFigo Club!

 

Forza prendi quel maglioncino

Salta sul mio motorino

Vieni con noi e ti divertirai

 

Porta pure qualche sfitinzia

Franca, Pamela, e pure Cinzia

Se tu lo vuoi la vita incontrerai!

Al CoccoFigo Club!

 

Vieni a ballare con noi tutta notte

Faremo casino fino al mattino!

Forza buttiamoci in pista ragazzi

Il mio amico DJ: Gglautio!

È proprio OK!

 

E poi finale col botto

Beviamo un chinotto!

Che divertimento

Son proprio contento!

Al CoccoFigo Club!

 

Vieni a ballare con noi tutta notte

Faremo casino fino al mattino!

Forza buttiamoci in pista ragazzi

Amico DJ: sei proprio OK!

 

E poi finale col botto

Beviamo un chinotto!

Che divertimento

Son proprio contento!

Al CoccoFigo Club!

 

 

 

 

Torna Alla Track List

Torna Alla Track List

Torna Alla Track List

Info e contatti: Abac Entertainment (Abac Digital Studio snc), Via S. Sonnino, 54 - 73048  Nardò (Le) - info@baccassino.com

P.Iva 04300050756 - Cell. 349.3964051 - All rights reserved